12 ago 2015

Punta Erbing, luogo di grandi silenzi

Antonio Dimai, famosa guida alpina di Cortina, amava il Pomagagnon e dal 1899 al 1905 vi aprì cinque vie. Nell’ultima, salì la parete sud del culmine più a oriente del gruppo; erano con lui il collega e amico Agostino Verzi e il cliente G. Erbing, il cui cognome identifica oggi la cima. 
Dimai si era lasciato “sfuggire” la parete della vicina Croda dei Zestelis, sulla quale Zaccaria Pompanin e Angelo Zangiacomi avevano guidato Robert Grauer; due estati dopo, però, la guida si rifece battezzando una vetta fino ad allora senza nome.
73 anni fa come oggi, alla via Dimai se ne aggiunse un'altra - un po' più difficile - di Iji e Toni, ragazzi di Cortina, salita per la prima volta d'inverno da alcuni alpinisti di Venezia nel 1953. Oggi di quelle vie non parla e non scrive più nessuno.
La Erbing è comunque un'ottima opportunità per una bella escursione. La si può salire concatenandola col sentiero attrezzato III Cengia del Pomagagnon (consigliato a persone preparate e attrezzate), o per la via di rientro da esso, che inizia a Forcella Zumeles, è segnalata fino in cresta, è mediamente impegnativa e ha un buon sapore d’antico.
Per toccare la Punta, meta senza dubbio un po' inusuale nelle Dolomiti Ampezzane, va prima raggiunta, secondo le diverse soluzioni previste da guide e cartine, la citata Forcella Zumeles. Si traversa poi piacevolmente l'alberato versante nord dei Crepe de Zumeles, finché la traccia inizia a salire sotto la parete. Ad un'erta e franosa rampa seguono due movimenti su roccette, che adducono al selvaggio lato nord della Erbing, Quassù non è improbabile incontrare qualche camoscio solitario.
Ometto e croce di vetta, 
com'erano nel 2009 (foto E.M.)

Il sentiero, sempre segnalato, continua a zig-zag su detriti fino a un intaglio della cresta che si affaccia sulla conca d'Ampezzo, dove finisce la III Cengia. In una decina di minuti, con un minimo di cautela, si tocca l'ormai visibile puntina, belvedere sulla sottostante Cortina.
Chi scrive ha salito la Erbing almeno sei volte con gli amici, con la moglie, da solo, e da entrambi i versanti. Mi piaceva condividere la fascia boscosa dei Crepe dei Zumeles, la ripida rampa fra i baranci, che ogni anno scivola un po' più a valle; le roccette della faticosa dorsale che guarda il Cristallo; la crestina finale. 
Ma l'emozione la trovavo nel fazzoletto di detriti della cima, dove un ometto e una croce di rami informano che si è su un culmine poco noto, un balcone panoramico di notevole bellezza, ma soprattutto un luogo di grandi silenzi.

Ritorno al Salzla

Domanda: quanti saranno gli alpinisti, specialmente di lingua italiana, che spesso neppure sanno localizzare i Gsieser Berge-Monti di Casie...