14 apr 2017

Lo spigolo del Sasso di Stria, dalla primavera all'inverno

Già nella nostra gioventù, un quarantennio fa, se ne sentiva parlare come obiettivo apprezzato dagli scalatori, e già allora era spesso affollato, specie nelle mezze stagioni. 
Lo spigolo SE del Sasso di Stria, l'appuntita struttura rocciosa resa celebre nella Grande Guerra dal sacrificio del Tenente Mario Fusetti - cui è dedicata la croce sulla vetta - era stato salito in parte nel 1908 da austriaci, e poi integralmente il 1° agosto 1939 dai vicentini Luigi Colbertaldo e Lorenzo Pezzotti. 
Dalla metà del '900 si è imposto come una delle classiche di media difficoltà intorno a Cortina, per il tracciato elegante, esposto, su roccia buona, con protezioni sicure, l'accesso e la discesa assai brevi e comodi. 
Il Sasso di Stria, in un pomeriggio
di primavera (foto E.M., 8.4.17)
I primi a salirlo d’inverno furono Marino Dall’Oglio, Giancarlo Castelli e G. Guerra nel marzo 1953; il primo a salirlo d’inverno e da solo pare invece sia stato Mario Zandonella Calleghèr di Dosoledo, all'inizio degli anni Settanta del '900. 
Le visite di chi scrive allo spigolo sono state numerose, con amici e amiche e per quasi tutto l'anno; tra le tante, ricordo piacevolmente quella in cui ci trovammo lassù in due cordate un Lunedì di Pasqua, con lo spigolo asciutto e sfiorato dal primo tiepido sole, ma con la traccia di rientro semisommersa dalla neve. 
Un mio tentativo di salire da solo, a Capodanno del 1985, si arenò già sul sentiero d’accesso, che s’inerpica lungo il ripido pendio senz'alberi verso il Falzarego; dato l'innevamento abbondante, dopo un breve assaggio lo valutai troppo pericoloso e ripiegai velocemente verso casa. 
Da allora sono passati decenni: ho salito il Colbertaldo-Pezzotti alcune altre volte, e non saprei dire se e quanto sia ancora di moda. Certo è che su quella lama affilata ho speso numerose belle giornate, iscrivendo ogni volta nel mio diario una salita d’impegno moderato, mai banale e di sicura soddisfazione.

Fritz Terschak, pioniere dello sport ampezzano, nel 40° della scomparsa

Friedrich Adolf (detto Fritz, poi Federico) Terschak - credo sia risaputo da chi conosce un po' di storia di Cortina e dai navigatori d...