26 set 2019

Il Torrione Scoiattoli: isolato e scorbutico, ma stuzzicante

Numerose cime attorno a Cortina si scorgono soltanto da molto vicino, da prospettive o in contesti di tempo particolari. Questa peculiarità, singolare ma non unica, le ha in un certo qual modo difese da sconsiderati assalti, agevolazioni turistiche, banalizzazioni metalliche, lasciandole padrone del loro isolamento, della solitudine e, inevitabilmente, esposte anche alle crescenti stranezze climatiche, che non è scontato non le insidino.
Una di queste cime è senza dubbio il Torrione Scoiattoli, nell'angolo settentrionale della dorsale del Pomagagnon. La massiccia formazione, alta oltre 200 metri e quasi schiacciata dalle retrostanti Pale de ra Pezories, si individua con un po’ d’occhio dai paraggi di Fiames, ma non è così marcata da suscitare né ammirazione né contemplazione.
Il Torrione venne "conquistato" per la fessura ovest e battezzato il 29.6.1955, da tre ragazzi di Cortina: Guido Lorenzi, Arturo Zardini ed Albino Michielli, tutti scomparsi da decenni. La loro salita, che non è noto quante ripetizioni possa contare, dopo una dozzina d'anni fu affiancata da una seconda via, aperta sul lato nord  il 7.7.1967 da Franz e Armando Dallago, e quindi da una terza, tracciata ancora sul lato ovest, dalle guide Alfredo Pozza e Mauro Valmassoi con Maria Petillo l'8.8.1992.
Lo scontroso Torrione Scoiattoli, 
da Fiames (ph. I.D.F., estate 2019)
L'itinerario meno difficile dei tre possibili per guadagnare la vetta supera il 5° grado, la discesa è complicata e non è difficile supporre che la guglia non sia un "must" per folle di aspiranti salitori. Essa è inserita in un angolo piuttosto selvatico, anche se non troppo distante dalla trafficata Statale d'Alemagna, tra gole detritiche, robusti mughi e rocce che si muovono di continuo, isolandola sempre più.
Non conosco le pareti del torrione, la cui sommità raggiunge "solo" i 1889 metri; ne sono però passato più volte ai piedi, immaginando la fantasia di Guido, Tamps e Strobel che chissà come lo scoprirono, e poi lo salirono sessant'anni fa e più, dedicandolo agli Scoiattoli di allora e di oggi.

Spigolo Zero, una nuova via in Tofana di Rozes

Il sito “Dolomitiskirock.com” e la stampa locale hanno informato che, nel mese di settembre, lo Scoiattolo e guida alpina Mario Dibona di ...