11 nov 2011

Kűhwiesenkopf, una meta interessante

Otto anni fa, girando tra le cime intorno al Lago di Braies che chiudono la catena dei Colli Alti, ne scoprimmo una da consigliare a chi cerca salite d’impegno limitato in ambienti sereni e riposanti: la Kűhwiesenkopf, in italiano Cima Pra della Vacca.

La cima, vista dalla cresta di discesa
Nota anche come Franzjosefshőhe in ricordo di Francesco Giuseppe, cui un tempo era dedicata la croce di vetta, quotata 2140 m, è l’ultima sommità verso E della dorsale delle "Dolomiti di Valdaora", in Val Pusteria.
Belvedere di prim’ordine sulla conca di Braies e sulle vette che la cingono, fino ai Monti di Casies e alle Dolomiti, ha anche interesse scientifico, a seguito di ritrovamenti geologici nella zona effettuati dallo studioso Michael Wachtler.
Per salirla, imboccammo la stradina che dal Lago di Braies s’inoltra nel bosco, lambisce l’isolato Riedlhof, di recente ricostruito, e si esaurisce in uno slargo ai piedi di un grande smottamento.
Proseguendo lungo un costone alberato e superando un ghiaione, salimmo a tornanti fino ad una sella con fienili, purtroppo quasi tutti ormai diroccati, sul bordo dell’Alpe Pra della Vacca.
Continuando sul pascolo, tagliammo verso destra la testata di una valletta e per i ripidi tornanti che da S s’inerpicano in cresta (sui quali, all'improvviso, ci si parò davanti un … ciclista, che scendeva con il suo mezzo su una traccia non più larga di una spanna), dopo 650 m di dislivello toccammo con soddisfazione la vetta, dalla cui artistica croce si gode una visuale amplissima.
Per scendere, imboccammo la traccia che divalla sul lato opposto, lungo il crinale fra la Cima e l’antistante Monte Castello di Braies, fino ad una sella prativa.
Fiori alla Woeggenalm
Per uno scosceso e umido vallone alberato, ci portammo alla Wöggenalm e per stradina forestale e da ultimo sull'asfalto, dopo cinque ore di marcia rimettevamo volentieri  piede al Lago.
Sarà stata la calda domenica estiva, l’atmosfera della zona o chissà che altro: fatto sta che ritenemmo l'anello della Kűhwiesenkopf davvero meritevole, e lo ripetemmo l'anno seguente accompagnandovi una gita sociale del CAI Cortina.

Nessun commento:

Posta un commento

23 settembre 1931-2017: il diedro Mazzorana sul Popéna Basso

Sono passati 86 anni dal  23 settembre 1931. Quel giorno Piero Mazzorana (un giovane venuto con la famiglia da Longarone in Val d'Ansie...