18 feb 2013

Una visita alla "Malga del sacrestano"


Con gli amici veronesi, davanti alla Messneralm
17/2/13 (photo by courtesy of idieffe)

Forse negli anni in cui miravamo "sempre più in alto", non la degnammo neppure di uno sguardo; o forse semplicemente non c'era ancora, la malga che abbiamo scoperto ieri in Casies, la valle dove andiamo sempre più spesso a camminare, d'inverno come d'estate.
Si tratta della "Malga del sacrestano", in tedesco Messneralm, un bel fabbricato di legno con tanto di parco giochi per bambini che sorge a 1659 m di quota sul lato destro orografico del rio Pidig, una decina di minuti più in basso della Kradorferalm, che visitiamo almeno una volta l'anno, se non due.
La Messneralm ha l'aspetto nuovo e fresco di un piccolo ristorante, dista un'ora di salita e 200 m di dislivello dal centro di Santa Maddalena ed è costruita su un ripiano al limitare del bosco.
Messneralm, dalla strada della Kradorferalm 1/1/2012
(photo by courtesy of idieffe)
Da qui il panorama si apre un po' verso nord e un po' verso sud, in direzione della vetta che Iside ed io ricordiamo spesso con soddisfazione: l'Hochstein, salito con Franca e Giacomo intorno a Ferragosto del 2008.
Ieri, in una domenica livida e abbastanza fredda che, al ritorno verso Cortina, ci ha regalato anche una breve bufera di neve, abbiamo aggiunto un altro tassello alla frequentazione della Valle di Casies; è stata una scoperta piacevole, arricchita dalla conoscenza di due coppie di veronesi attratti, al pari di noi, da luoghi alpini come questo: un po' fuori mano ma non troppo, un po' rustici, dove si mangia bene a prezzi umani e dove si può trascorrere una giornata nella natura, senza impegnarsi in imprese.
Ovviamente, la Messneralm è entrata nel nostro carnet di malghe pusteresi, per l'inverno e non solo; penso che non mancheremo di rifarle una visita, magari d'estate con la nostra nipotina Elisabetta!

1 commento:

  1. bellissimo.. che tenerezza il pensiero di rifare questa bellissima gita con Elisabetta...

    RispondiElimina

Dal "Tofana" al "Cantore" e al "Giussani": tre nomi per un rifugio

16.8.1886: due settimane prima della morte del novantenne capostipite delle guide alpine ampezzane Francesco Lacedelli “Chéco da Melères”, ...