07 mar 2014

La scalata della Frankfurter Würstl

Ispirato da una cartolina acquistata su un banchetto al Festival Montagnalibri di Trento, mi fa piacere ricordare un luogo (montano, ovviamente) che ebbi occasione di conoscere quasi trent'anni fa, nel giugno 1985, dopo aver salito con due amici la via Innerkofler-Biendl sullo spigolo NNO del Monte Paterno. 
Su quella cartolina, che a prima vista potrebbe risalire al 1910 ed è  colorata a mano, come era abitudine al tempo, si nota un alpinista che si sta calando dalla Frankfurter Würstl, Salsiccia di Francoforte, sullo sfondo della Torre di Toblin.
La montagna col nome "gastronomico" è un piccolo campanile abbastanza aguzzo, che sorge lungo la cresta del Paterno a breve distanza dal Drezinnenhűtte, oggi Rifugio Antonio Locatelli-Sepp Innerkofler di fronte alle Tre Cime. 
Alla fine del XIX secolo il campaniletto, alto solo una ventina di metri e poco significativo dal punto di vista alpinistico, anche se non è proprio banale da salire, era un obiettivo rinomato nell'ambiente locale. 
Le guide ampezzane e pusteresi erano solite condurvi i clienti, prima di salire qualche itinerario impegnativo sulle vicine cime di Lavaredo, per appurare che l'indomani riuscissero a far superare loro certe difficoltà, e non avessero invece a che fare con intrattabili zavorre. 
Sulla Salsiccia, dove ricordo che c'era posto solo per due persone e un chiodo di calata, ho messo i piedi due volte; ma all'epoca non avevamo l'abitudine di scattare fotografie, e così oggi me ne manca la testimonianza. 
Quando ho visto quella cartolina a Trento l'ho acquistata d'impulso, insieme con alcune altre, ricordando così due giornate ormai lontane, nelle quali provai la sensazione di condividere quel pilastrino roccioso con qualche pioniere delle Dolomiti.

Nessun commento:

Posta un commento

Corno d’Angolo: chi l'avrà salito per primo, e perché?

Chi si avventurò per primo sul Corno d’Angolo, e perché lo fece? Noto ai pionieri col nome di Eckhorn, dovuto alla sua posizione, è il p...