08 gen 2015

"Alpinismo Eroico",: libro che non può mancare nella biblioteca degli appassionati

Alpinismo Eroico” di Emilio Comici, uscito in anastatica alla fine del 2014 dall'editore Hoepli, dopo la ristampa del 1995 curata da Elena Marco per Vivalda (319 pagine, 159 fotografie, € 34,90), è un libro anzitutto da sfogliare. 
Prima degli scritti di Comici, uno scalatore  che maneggiava bene anche la penna, e delle testimonianze di grandi alpinisti, stupiscono le oltre centocinquanta immagini in bianco e nero, vecchie ormai di ottant'anni e anche più. 
Le amate Tre Cime, la Civetta, le Dolomiti, le Carniche e le Giulie, i monti di Grecia ed Egitto, ma soprattutto l'"uomo Comici", che posa davanti all’obiettivo (spesso quello dell'amico e biografo Severino Casara), contribuiscono a rischiarare un periodo e un ambiente ormai lontani nel tempo.
L'elegante ristampa del volume ha riportato in libreria, per la quarta volta, “Alpinismo Eroico”, il cui originale è divenuto ormai argomento da bibliofili e - ne sa qualcosa chi scrive - non facile da trovare anche presso gli antiquari. 
La prima edizione era stata curata dal "Comitato Nazionale del C.A.I. per le onoranze ad Emilio Comici", istituito due anni dopo che il rocciatore triestino cadde da una falesia in Val Gardena mentre si allenava, a causa di un cordino marcio; ne fu poi fatta una seconda, nel 1961, anch'essa ormai piuttosto rara.
"Alpinismo Eroico" si divide in due parti: la prima, anticipata da una prefazione di Angelo Manaresi, al tempo Presidente del Cai, contiene tutti gli scritti del triestino, con le relazioni di alcune delle salite compiute tra il 1925 e il 1940. La seconda è una galleria di ricordi cui contribuirono, tra gli altri, Duilio Durissini della XXX Ottobre di Trieste, che avviò Comici al mondo sotterraneo; il pioniere Kugy, che al triestino indicò una via unica, perché orizzontale, la "Cengia degli Dei" nelle Giulie; Piaz, il "Diavolo delle Dolomiti"; la guida e maestro di sci Giuseppe Pirovano; l'amico Casara, che ricorda l’ultima via nuova, sulla parete nord del Salame, compiuta insieme il 28-29 agosto 1940. 
Chiudono l'opera, oltre all'elenco delle prime salite di Comici (dal quale mancano però le numerose, per quanto brevi vie che egli aprì in Val Rosandra, alle porte di Trieste), due autorevoli e illuminanti postfazioni, una dell'Accademico triestino Spiro Dalla Porta-Xydias, autore di due biografie di Comici, e il saggio "Comici e l'alpinismo del sesto grado" di Marco Albino Ferrari.
La ristampa segue di qualche anno un'altra anastatica meritoriamente promossa da Hoepli: "L'arte di arrampicare di Emilio Comici" di Severino Casara che, con 342 immagini accompagnate da numerosi stralci delle 124 lettere intercorse tra Comici e l'amico vicentino, illustra la tecnica di scalata del triestino, assurta quasi a forma d'arte. 
Anche questo volume va prima sfogliato, per gustare il pregio dell'edizione, e poi, ovviamente, letto per comprendere come Emilio Comici sia diventato una leggenda dell’alpinismo e perché molte delle sue vie vengano ancora oggi avvicinate con rispetto.

Nessun commento:

Posta un commento

23 settembre 1931-2017: il diedro di Piero sul Popéna Basso

Sono passati ottantasei anni dal  23 settembre 1931. Quella mattina Piero Mazzorana (ventunenne longaronese trasferitosi con la famiglia in...