02 mag 2017

Passeggiando fuori porta: il Sas del Rana

Osservando da sud, alla base delle ghiaie sotto la Croda dei Zestelis e la Punta Erbing del Pomagagnon emerge un risalto di rocce miste a conifere, con dirupi grigi e giallastri.
Quel risalto ha un nome curioso, Sas del Rana. Secondo "Monti boschi e pascoli ampezzani nei nomi originali" di Illuminato De Zanna e Camillo Berti (1983), più che uno zootoponimo (che indurrebbe a pensare alla presenza di anfibi, in una zona ben poco umida), potrebbe essere un antroponimo, legato ad un antico abitante del sottostante borgo di Chiave, magro e scattante come l’animale da cui prese il soprannome. Come il Sas sia stato connesso alla persona, poi, andrebbe chiarito: con buona certezza il legame sarà dovuto a motivi agrosilvopastorali.
L'"Atlante del territorio silvo pastorale delle Regole e del Comune di Cortina d'Ampezzo" di Fiorenzo Filippi (1985), riporta l'oronimo del Sas del Rana aggiungendovi anche la quota altimetrica, misurata in 1826 m. 
Oltre a "Gli zootoponimi nella toponomastica cadorina" di Maria Teresa Vigolo, in "La radises desmenteades. Le radici dimenticate. Temi e problemi della toponomastica dell'Oltrechiusa" (atti del convegno di San Vito di Cadore del 22.10.2016, usciti nell'aprile 2017, pp. 40-41), non ho altre fonti che citino il risalto. 
In basso a destra, spuntano i dirupi
del Sas del Rana (foto I.D.F.)
La base del Sas è lambita dalla strada forestale che collega Fiames al Brite de Larieto; pur agevolata da questa facilitazione, l'esperienza personale mi fa concludere che una visita al risalto - ammesso che si abbia un motivo per farla - non sembra granché interessante.
Nemmeno gli strapiombi verso Cortina, ad un'occhiata sommaria, paiono invitare a un'eventuale ricognizione: l'attrattiva del sito va cercata quindi soprattutto nella storia, e potrebbe alimentare qualche indagine anche in altri ambiti.
Un tempo non sapevo che il risalto avesse un'identità e un nome. Lo seppi a metà degli anni Settanta dalla guida Angelo Dimai, classe 1900 e vissuto per anni a Chiave; era anziano ma ancora in gamba, e probabilmente fin da ragazzo aveva conosciuto quei dirupi, per piacere personale o - più ragionevolmente - per dovere. 
L’informazione di Angelo "Déo" evoca una bella figura dell'alpinismo dolomitico, da cui ottenni anche qualche altra notizia interessante. Quando la Cooperativa fece uscire il saggio di De Zanna e Berti, ricordo che potei sottolineare con soddisfazione: “La storia del Sas del Rana non mi è nuova”.

Nessun commento:

Posta un commento

Madonna della Solitudine: un luogo, un nome, una nuova targa

Torno a scrivere della Madonna della Solitudine, ora che il luogo possiede un nuovo orpello: una targa di bronzo a ricordo del fu Bivacco P...