02 dic 2010

Un "volo" fortunato

Due mesi dopo la laurea, un sabato di giugno, con il giovane amico Nicola - che aveva iniziato da poco ad arrampicare – volli ripetere lo spigolo SE del Sas de Stria, che sovrasta il Passo Falzarego. Conoscevo bene quella via, avendola già percorsa fino ad allora forse una dozzina di volte, quindi mi sentivo tranquillo. Il tempo era ottimo, sullo spigolo non c'era nessuno e salimmo senza fretta godendo i passaggi, che ormai sapevo quasi a memoria. Giunti al muretto superiore, levigato da mezzo secolo di scarponi ma protetto e sicuro, lo affrontai come al solito. Poco prima di saltar fuori, forse colpito da un malore passeggero (capogiro o svenimento?), caddi all’indietro nel canalone retrostante. Questione di un attimo: poiché a quel livello lo spigolo è inclinato, picchiai duramente sulla roccia ma, ben assicurato da Nicola, mi fermai dopo un volo di almeno 5 metri. Incredibile, ma vero: avevo solo un livido bluastro sul coccige, i pantaloni a pezzi, e mi era uscito di tasca il portafoglio! Mi calai pian piano a riprendere il prezioso accessorio e, superato lo sconcerto dell'imprevisto episodio, ripresi a salire respirando a fondo. Poco dopo uscimmo in vetta e scendemmo alla base  senza altri fastidi. Ripensandoci, mi sono domandato più volte che cosa mi potesse essere capitato quel giorno d'estate: non avevo problemi, la via era alla mia portata e per fortuna avevo appena rinviato la corda nell’anello sotto il muretto. Meno male che il colpo rimediato non era violentissimo e - oltre al fondo schiena - non coinvolse altre parti del corpo... Dieci anni dopo, quando in una visita medica mi fu chiesto se non avessi mai accusato contusioni violente a carico dei nervi, la prima cosa che mi sovvenne fu la caduta sullo spigolo del Sas de Stria, dove peraltro insistetti a tornare ancora un'altra volta, per poi rivolgere le mie attenzioni alla tranquilla, sempre affollata via normale.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Monte Serla, una proposta al margine delle Dolomiti

Insieme al Lungkofel - Monte Lungo di Braies, il Sarlkofel - Monte Serla costituisce l'elevazione più a settentrione del gruppo dolomit...