21 gen 2011

Popena Basso, piccolo ma non minore

Nel gruppo del Cristallo, l'oronimo “Popena”, di origine molto antica, identifica più di un luogo: due valli (la Val Popena Alta e la Val Popena Bassa), una cima (il Piz Popena), un Passo, una Sella, due Torri, una Guglia, una torre che cambiò nome nel 1893, ed infine una cima decisamente poco ardita. Abbastanza famosa perché 85 anni fa un giovane vicentino, Severino Casara, vi inaugurò la palestra di roccia di Misurina, oggi sulle sue pareti corrono varie vie di tutte le difficoltà. La cima in questione, il Popena Basso, è un'ampia cupola ricoperta di mughi che raggiunge il culmine a 2225 m dominando il Lago di Misurina con una vasta parete grigia e gialla, alta da cento a duecento m. Ha un doppio oronimo: qualcuno, fra cui chi scrive, la chiama Monte Popena, altri Popena Basso, ma tanti la confondono con il “fratellone”, il Piz Popena, che gli sta giusto alle spalle ma ha altre caratteristiche. Il nostro “piccolo, ma non minore” Popena è la meta di una piacevole camminata, che costituisce una interessante fuga, magari autunnale, nella natura. Consigliabile soprattutto quando in alto non si sale già più e si ha voglia d'immergersi in un bosco antico, la via normale prevede la risalita di un dorso barancioso e mansueto e schiude una vetta in parte erbosa, con un bel panorama sulla Val Popena Alta e sul Cristallino. Tre anni fa, una domenica di fine settembre, dopo tanto tempo, siamo risaliti lassù per godere la solitudine di una cima che gli scalatori snobbano e molti escursionisti non conoscono. Ovviamente, in mezzo alla nebbia traforata da un pallido sole autunnale, quel giorno eravamo solo in due.

In vetta, 21 settembre 2008

Nessun commento:

Posta un commento

Dove sarà la scala del Zorzi?

Gli antroponimi ampezzani, cioè i nomi di luogo legati o derivanti da persone, furono catalogati, esaminati e raccontati diffusamente da Lo...