02 feb 2011

A cent'anni dalla nascita della guida alpina Ignazio Dibona (1911-1942)

Il 29/1/1942, travolto da una massa di neve a Campo della Scindarella, perdeva la vita a trent’anni Ignazio Dibona, guida alpina e maestro di sci di Cortina.
Tratti in salvo tre allievi investiti da una valanga, si stava impegnando per soccorrere altri tre sciatori sommersi prima di lui, coi quali invece perì tragicamente.
Nato a Cortina il 21/11/1911, era il primogenito di Angelo “Pilato”, simbolo delle guide di Cortina. Ignazio interpretò onorevolmente la tradizione di famiglia, che dopo di lui fu portata avanti dai fratelli Fausto e Dino e dal nipote Ivano, valenti guide.
Fin da piccolo seguiva il padre alla base delle pareti, attendendone poi il ritorno dalle salite. Adolescente, iniziò la sua vita di rocciatore sulle crode di casa, salendo le pareti e le cime più impegnative col genitore poi con amici e colleghi.
Nel 1927, non ancora sedicenne, col padre e il fratello Fausto, di soli quattordici anni, salì la Via Dimai della Punta Fiames, dando la prima testimonianza documentata di una scalata di un buon livello.
A vent'anni, con Giovanni Barbaria “Zuchin” fu promosso guida alpina, coronando così il sogno della sua vita e iniziando una professione di breve durata ma ricca di soddisfazioni, che lo vide protagonista di numerose salite importanti.
Durante il servizio militare a Belluno nel 7° Alpini, si distinse guidando i commilitoni in scalate e traversate su tutte le Dolomiti.
Fra le sue prime, non abbondanti ma qualificate, risaltano la “Centrale” sulla parete S della Punta Fiames (1933, con Dimai e Degasper), definita “Straordinariamente difficile, V grado superiore”; lo spigolo SE della Croda Marcora (1933, con Apollonio e Barbaria); lo spigolo del pilastro N del Siroka Pec (1935, col padre, Anna Escher e Lipovec, un passaggio di VI); la “Diretta Dibona” sulla Testa del Bartoldo (1937, col fratello Fausto ed Hermione Blandy).
Il suo capolavoro fu però la “Direttissima” sulla parete SE della Croda Rossa d’Ampezzo, tracciata in due giorni nel 1934 con Pietro Apollonio, che permise di risolvere un importante problema.
Furono molte le ripetizioni di vie di rilievo portate a termine dal “Pilato”, divenuto assai giovane anche maestro di sci. Col padre, Angelo Verzi e Emmy Mendl, compì nel 1929 la 1o^ salita della Via Miriam sulla Torre Grande d’Averau, ripetuta in seguito da solo in 17 minuti. Con Arcangelo Dandrea e Renato Zardini, nel 1932 Dibona portò a termine la 4^ salita della “Fessura Dimai”, aperta da un mese sulla stessa Torre e vi tornò con Alfonso Tanner per la 9^ ripetizione.
Nell’estate 1940 si legò in cordata col padre per ripetere due vie aperte da lui con Luigi Rizzi e i Mayer trent’anni prima: lo spigolo N del Grosser Oedstein e la parete N della Cima Una – Einserkofel: né vanno tralasciati i numerosi interventi di soccorso, per i quali Dibona si prestò sempre con generosità e coraggio.
Chiamato a dirigere la scuola di sci di Campo Imperatore, col suo carattere fermo e cordiale si guadagnò la stima e l’affetto di tutti i clienti. Non appena accaduta la disgrazia, i fratelli scesero a Campo Imperatore, dove poterono “raccogliere dalle genti fasciste delle montagne d’Abruzzo in cui il loro Ignazio cadde, le espressioni dell'unanime compianto e della generale ammirazione” e portarono “i genitori e alla sposa angosciati la solidarietà di un mondo estraneo al loro, ma che si unisce a loro, per confortarli”.
A Cortina, la notizia della morte di una delle più giovani e valenti guide locali si diffuse velocemente: sul “Notiziario di Cortina” del 30 gennaio, il Presidente della Sezione del CAI Bepi Degregorio scrisse un accorato necrologio, ripreso anche nel n. 8-9 (giugno-luglio) della rivista “Le Alpi”.
Degregorio, conformemente alla retorica del tempo, così concludeva: “Ignazio Dibona tu non sei morto. La tua figura di atleta è fissa nell’azzurro in vetta alla difficile parete della vita. Tu assicuri la nostra corda nel moschettone di puro ferro e ci comandi: avanti.”
Ai funerali, celebrati il 6 febbraio con la partecipazione di tutto il paese, la salma di Ignazio Dibona fu trasportata a spalle dalle guide, scortata dai maestri di sci e seguita dalle maggiori autorità locali e provinciali, con rappresentanze dell’ANA, del CAI e degli scolari di Cortina.
Nell’impossibilità di farlo di persona, la famiglia rivolse pubblicamente un ringraziamento alle autorità aquilane, bellunesi e ampezzane, al CAI, alle guide, ai maestri di sci e ai partecipanti al lutto, che segnò indelebilmente soprattutto il padre Angelo.
Oggi, oltre che nelle sue vie, alcune delle quali peraltro dimenticate, Ignazio Dibona è ricordato dalla lapide che nel cimitero di Cortina commemora le guide e i portatori scomparsi a partire dal 1886.

Nessun commento:

Posta un commento

23 settembre 1931-2017: il diedro Mazzorana sul Popéna Basso

Sono passati 86 anni dal  23 settembre 1931. Quel giorno Piero Mazzorana (un giovane venuto con la famiglia da Longarone in Val d'Ansie...