27 feb 2011

Una scoperta nel gruppo della Croda Rossa d'Ampezzo

La "Tetta" con le Tofane sullo sfondo, luglio 2007
Ospiti del Rifugio Biella in occasione dei festeggiamenti per i cent'anni della costruzione, in una mattina di luglio 2007 ci capitò di salire una cima nuova. Una cima la cui vista s’impone, oltreché a chi guarda dal Rifugio verso S, anche in alcune cartoline del Biella di epoca austro-ungarica e dei primi del '900. La montagna non ha un nome, ma un pregio: il panorama che offre, nel quale si riescono a intravvedere persino la valle e i nuclei abitati più a N d’Ampezzo. Anche per questo gli escursionisti, non solo tedeschi, che salgono sempre numerosi soprattutto da Braies, mentre sostano al rifugio in attesa di riprendere le forze e la marcia, salgono la “Tetta”. Questo è il singolare ed evocativo oronimo che qualche burlone ha dato alla cupola arrotondata di sassi ed erba (non quotata, né indicata nelle carte che ho consultato), che emerge dall'altopiano di Fosses proprio in faccia al rifugio, dal quale si sale in meno di mezz’ora e senza difficoltà. In cima c'è un ometto e nessun altro orpello: il silenzio è assordante e si gode una grande visuale sul gruppo della Croda Rossa e su altre crode più lontane. La “Tetta” fu sicuramente raggiunta in epoca antica, magari dai cacciatori che scrutavano l’orizzonte alla ricerca degli ungulati, un tempo numerosi su quelle lande, che oggi si stanno lentamente ripopolando. Senza importanza per i collezionisti di vette ma utile per trascorrere un po' di tempo in relax, la cima è una delle ultime d'Ampezzo iscritte nel mio taccuino, ed è stata una gradevole sorpresa.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Rifugio Col Druscié sulle Tofane compie 80 anni

Si sta approssimando una scadenza per il turismo ampezzano. Ottanta anni fa, il 2 dicembre 1937, alcuni privati furono autorizzati ad aprir...