10 mar 2012

Mille guglie di pietra e una piramide con le facce muschiate

“Mille guglie di pietra e una piramide con le facce muschiate” lo definì l'amica scrittrice Lorenza. Io aggiungo: un angolo dolomitico molto suggestivo, cupo ma non troppo, immerso in un’immobilità misteriosa e fonte di belle vedute su Cortina.
Bèco d'Aial, da Ciou del Conte
24/7/2008
E’ il Bèco d’Aial,   piramide scura che spunta come un enorme dente canino dal bosco di Federa e vanta un "record" tutto suo: toccando la quota di 1846 m (1880 m secondo Berti), potrebbe essere la montagna meno elevata tra tutte quelle ampezzane.
Individuato come punto strategico nella 1^ Guerra Mondiale, quando gli italiani alzarono in vetta una postazione antiaerea di cui oggi rimangono muri diroccati e una galleria, cinquant'anni fa il Bèco d'Aial fu scoperto dagli scalatori.
Solo la fantasia di un personaggio come Albino Michielli Strobel poteva concepire una via sulla parete N, visibile da Cortina e riparata dal sole. Strobel la salì con il collega Arturo Zardini Tamps nell’estate 1962, tracciando una via con difficoltà fino al 6°, che fu poi ripetuta alcune volte.
Sullo stesso versante, anni dopo, altri scalatori ampezzani e cadorini trovarono vie nuove, e di recente, sul Bèco e sulle guglie che lo circondano sono apparsi gli spit su alcuni itinerari d’arrampicata sportiva.
Quella che pochi conoscono è la via normale di salita da SE; un sentierino che, biforcandosi dal 431 fra i laghi d’Aial e di Federa, s’infila tra alberi e umide vallette, toccando la cima dopo aver difeso la cima con una cengia, lunga solo una quindicina di metri ma esposta e scivolosa, e alcune roccette.
Fino a qualche anno fa, ogni 14 agosto alcuni amici affiatati salivano sul Bèco per accendere il rituale "fò de ra Madona" e festeggiare con una grigliata, alla quale ebbi il piacere di partecipare anch'io nell'86-'87.
Lassù tutto tace: sul Bèco è diventato raro incrociare altre persone, inerpicatesi per abbracciare con lo sguardo la conca di Cortina o, più da vicino, i boschi di Federa.
E alla cima sicuramente non dispiace.

Nessun commento:

Posta un commento

Dal "Tofana" al "Cantore" e al "Giussani": tre nomi per un rifugio

16.8.1886: due settimane prima della morte del novantenne capostipite delle guide alpine ampezzane Francesco Lacedelli “Chéco da Melères”, ...