02 apr 2012

Alcuni dei personaggi illustri ricordati sulle nostre montagne

Nel corso degli anni, numerose cime di Cortina e dintorni sono state dedicate a personaggi scomparsi, locali e non.
Prendendo in esame a campione alcuni gruppi, inizio con quello della Croda da Lago, dove troviamo la Cima Marino Bianchi, dedicata nel 1973 alla guida alpina di padre cibianese, caduto quattro anni prima sulla Torre del Lago.
Cresta della Croda da Lago:
in centro, il Campanile Dino Buzzati
Nelle vicinanze emerge il Torrione Dino Buzzati, il quale ricorda lo scrittore che amò la Croda più d’ogni altra montagna e nel 1966 vi compì la sua ultima scalata con Lino Lacedelli e Rolly Marchi,  e la Punta Raffaele, dedicata a Raffaele Zardini Laresc, Scoiattolo e guida caduto nel 1975 col deltaplano. Queste ultime due cime sono "scoperte" di Franz Dallago, guida che solo nel gruppo della Croda da Lago ha trovato oltre 30 vie nuove.
Sotto il Nuvolao c’è la Torre Anna: ritengo sia un omaggio di Franz ad una gentile, a me ignota fanciulla. Sempre Dallago ha salito per primo due torri della Tofana, dedicandone una a Franco De Zordo di Cibiana, caduto sulle Tre Cime nel 1965 e l’altra ad Albino Michielli Strobel, Scoiattolo e guida attivo negli anni 1950-1960.
Spigolando qua e là, sul Pomagagnon c'è il Campanile Dimai (dedicato ad Antonio Dimai, la guida che nel 1905 ne superò la parete S), e la Punta Armando, intitolata allo Scoiattolo Armando Apollonio, scomparso nel 1950.
Nel Cristallo, poi, il Campanile Dibona è stato intitolato al simbolo delle guide ampezzane, che lo salì in solitaria nel 1908 e con Luigi Rizzi e i fratelli Mayer l’anno dopo. 
Cambiando per un attimo zona, non mancano all'appello neppure gli amici Alberto Bonafede  (1968-2011) e Aldo Giustina (1969-2011), caduti il 31 agosto scorso durante un soccorso sulla parete N del Pelmo; il 2 novembre dello scorso anno Paolo Michielini ha scalato e dedicato loro una torre senza nome ai piedi del Pelmo, nei pressi della Torre dei Bellunesi.
Mi piacerebbe andare avanti, ma per ora sorvolo sulle altre montagne, per non trasformare questo contributo in un arido elenco telefonico.
A Cortina manca comunque un ricordo di molti benemeriti della montagna; nessun luogo, ad esempio, fa memoria di Federico Terschak, accademico del CAI e scrittore (1890-1977), che sulle nostre montagne aprì una ventina di vie nuove e scrisse alcuni libri interessanti e importanti per Cortina.
Neppure Francesco Lacedelli "Chéco da Melères" (1796-1886), prima storica guida locale, è ricordo sulle nostre Dolomiti, e nemmeno del pioniere di queste crode, Paul Grohmann (1838-1908) qui sulle nostre montagne ci si è ricordati ...
Le cime vergini, però, oggi non si trovano quasi più,  e le vie nuove sono sempre meno e vengono battezzate con nomi di tutt'altro genere. Quindi ai personaggi esclusi dobbiamo riservare altre forme d’omaggio alla memoria.

Nessun commento:

Posta un commento

Il Monte Serla, una proposta al margine delle Dolomiti

Insieme al Lungkofel - Monte Lungo di Braies, il Sarlkofel - Monte Serla costituisce l'elevazione più a settentrione del gruppo dolomit...