11 feb 2013

Girovagando sulle cime delle Pezories (questo è il 300° post di ramecrodes!)


Avrei un suggerimento per chi ama inoltrarsi nei cantoni dolomitici meno battuti e ancora prodighi di spunti esplorativi.
Proporrei ai volonterosi di dare un'occhiata alle Pale delle Pezories, la dorsale con sei rilievi autonomi che a S si affaccia sulla Valle del Boite con scoscendimenti alti fino a 600 m, mentre a N, verso Val Granda e Val Pomagagnon, si adagia con ampie balze rocciose coperte di mughi.
Iniziando da N, troviamo dapprima il misterioso Pezovico (due quote, 1933 e 2014), raramente salito nonostante balzi in primo piano dalla piana di Fiames.
Subito dopo, distinguibile a fatica da lontano, segue il Torrione Scoiattoli, che per essere avvicinato richiede manovre alpinistiche non facili. Vengono quindi le Pale delle Pezories: la I, più elevata e relativamente più nota, la II e la III, di rilievo minore.
Pezovico e Pezories da N, dalla strada di Malga Ra Stua
(photo: courtesy of idieffe, 27/1/2013)
Le Pezories vennero fortificate dai militari italiani durante la I Guerra Mondiale, e sulle loro pendici restano ancora alcune testimonianze del conflitto.
La più facile da salire è la III Pala, collegata ai Prati del Pomagagnon dai resti di un' interessante mulattiera militare. Anni addietro, quando la visitai, trovai in vetta solo una rudimentale croce di rami, e null’altro.
La cima è un diversivo, per chi, scendendo dalla Punta Fiames, dalla Punta della Croce o dal Campanile Dimai (o da tutti e tre), volesse collezionare ancora una vetta con poco sforzo.
Alpinisticamente, oltre a tre difficili vie sul Torrione Scoiattoli, ce n’é una sul versante N del Pezovico, provata da Casara negli anni ’40 e dagli Scoiattoli negli anni '80, e conclusa da Alfredo Pozza nell'inverno 1992.
Sulla I Pala c’è una via di Dall’Oglio del 1950 ed un itinerario più facile del 1967, che inizia a Forcella Alta e dovrebbe intersecare un percorso italiano di guerra.
Insomma, chi cercasse qualche cosa di originale, sulle Pezories avrà sicuramente di che sbizzarrirsi e divertirsi.

1 commento:

  1. Una ventina di anni fa sono salito 3 o 4 volte su Ra Peziores, ma l'ultima fu memorabile. Avevo sognato di trovare uno scrigno di monete d'oro abbandonato tra i baranci del versante Nord e decisi che dei sogni ci si puo`, a volte, anche fidare (so che sembra incredibile, ma e` tutto vero e, come aggravante, all'epoca avevo abbondantemente superato i 40, di anni, non di febbre). Partii allora dal fondo della Val Granda e prima per un bosco disseminato di quelli che a me sembravano resti di trincee, poi per baranci sempre piu` fitti iniziai l'avventura. Che proprio di avventura si tratto`, perche` in assenza di ogni traccia umana passata, presente e, probabilmente, futura, fui letteralmente sepolto da un oceano di rami, aghi e resina. La battaglia era impari ed era evidente a chi toccava il ruolo dello sconfitto. Ma non mi diedi per vinto e alla fine, sotto gli occhi stupefatti di una donnola (credo), uscii sui prati sommitali fuori dall'intrico, del tutto indistinguibile, a causa degli aghi, della resina e dei pezzi di rami che portavano addosso, dall'esercito di baranci che avevo lasciato alle mie spalle.

    Saverio

    RispondiElimina

Croda Rotta, montagna da evitare?

E’ un risalto, né molto ardito né armonico, che conclude lo sperone a ovest della Punta Nera: già il suo nome, Croda Rotta, funge da bel bi...