26 nov 2014

Curiosità di Cortina: la Bella Dormiente

Guardando dal fondovalle, il profilo combinato della Rochéta de Prendèra (il toponimo è alpinistico) e dell'adiacente Rochéta de la Ruoibes (El Zoco, per gli ampezzani), osservato da destra verso sinistra rammenta il profilo di una giovane distesa e immersa nel sonno. 
Becco di Mezzodì e "Bella Dormiente" 
al primo sole, novembre 2014 (foto I.D.F.)
Per questo motivo, alcuni romantici denominano la visione "la Bella Dormiente". Con un pizzico di fantasia, infatti, si riesce a distinguere lungo la cresta fronte, naso, bocca, mento e petto della fanciulla che riposa sotto un'enorme trapunta di dolomia, nell'attesa di un principe che la baci per risvegliarla.
Dieci anni fa, quasi convinto di aver setacciato a sufficienza i miei monti, inseguivo un'idea: sfiorare almeno per un tratto il profilo della "Bella Dormiente". Decidemmo così di metter piede sulla Rochéta de Prendèra, una cima minore ma con un belvedere a 360 gradi su montagne e paesi. 
Di solito sulla Rochéta, dove dall'autunno 2009 vigila discreta una croce di legno posta dagli amici del Cai di San Vito, salgono più sci-alpinisti che escursionisti; dal lato di Cortina ci si arriva in meno di due ore dal Rifugio Croda da Lago, per ampi dossi detritici e erbosi con scarse tracce. 
Da San Vito, invece, - il “versante italiano” del Tenente Paoletti, quello della prima invernale dell’Antelao, che il 17.10.1881 compì con la guida Giobatta Zanucco anche la probabile prima invernale (?) della Rochéta - si sale a Forcella Col Duro, fra Malga Prendera e Forcella Ambrizzola. Da lì, per detriti e ghiaie con qualche traccia, stando a destra del Becco di Mezzodì, si giunge in cresta e, assecondando il profilo della "Bella Dormiente", sul punto più alto, a 2496 m. 
Noi salimmo dal versante di San Vito e poi, riempitici gli occhi di un panorama che non teme confronti (Pelmo, Becco di Mezzodì, Croda da Lago, Sorapis, Antelao, Cortina, San Vito, Borca e Vodo), obliquammo sotto il Becco in direzione di Federa, traversando Gròto, uno degli angoli più selvaggi d’Ampezzo, molto interessante dal lato geologico e naturalistico. 
Dopo un andirivieni alquanto penoso che ci depositò sulla familiare carrareccia di Forcella Ambrizzola, un “radler grande” a “Croda” non ce lo levò davvero nessuno! Dimenticavo: sulla Rochéta incontrammo due-persone-due, che avevano scelto come noi di salire lassù il 15 agosto, scampando all'affollamento "vippaiolo" di Cortina!

6 commenti:

  1. Scusate la solita invasione. Sono dovuto andare a consultare il libretto di Minato de Zanna, perchè nella mia testa c'è sempre molta confusione per i nomi delle Rocchette. Dimmi se sbaglio. Il profilo della Bella Dormiente corrisponde alla Rocchetta di Prendera (Ra Rocheta); poi c'è El Zoco (Rocheta de Ruoibes); ra Rocheta Outa (Soraru) e la Rocchetta di Campolongo (e poi Zigar e Beco Longo).
    Mi manca Soraru, ma le altre le ho salite più volte. E tra le altre, ricordo (il solito strappalacrime) il1993 con Ilaria (che aveva 5 anni) e il solito Albert e il 2003 con tutta la famiglia, Ilaria (15), Silvia (12) e Anna Maria.
    Tornando a Soraru, immagino che sia facile salirla, ma non ho mai capito quale fosse il percorso migliore.
    Ciao

    Saverio

    RispondiElimina
  2. Non mi risulta che sia facilissimo salire sulla Sorarù; infatti ne conosco ben pochi che l'abbiano affrontata, per la roccia marcia e la mancanza di tracce (chiedi all'amico Kaa). L'ordine che proponi è giusto; io non ho mai salito la Sorarù, ma sono stato sette volte sulla Cianpolongo, anche da solo: la ritengo una delle più belle gite d'Ampezzo, anche adesso che è "un po'" più frequentata di un tempo, e la traccia di camosci sulla ripidissima lingua verde sotto le rocce è diventata un sentierino. Dopo tutto, ci sono saliti già nel 1779, i topografi di Maria Teresa.
    Ciao
    Ernesto

    RispondiElimina
  3. Convocato, rispondo! :D Saverio, se vuoi aggregarti alla prossima spedizione per la Sorarù sei il benvenuto; finora m'ha respinto tre volte, si fa desiderare... Decisamente non è banale, e lì la parola "Marcio" trova la sua massima espressione, però ho ancora un paio d'assi nella manica da giocarmi, chissà... Sulle altre son stato ancora poche volte: solo una sulla Cianpolongo e sulla Ruòibes; ma più volte ho passeggiato su e giù in zona.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La tua proposta è molto allettante. Spero, quest'estate, di trascorrere qualche giorno in più a Cortina, rispetto al recente passato (è trascorso molto tempo da quando due mesi erano per me il minimo annuale). Ciao e a risentirci

      Saverio

      Elimina
  4. Salve a tutti,

    in data 26/09/15 assieme a Cesare Masarei (lui vi era già salito ma per un altro tracciato che poi un crollo a cancellato) siamo riusciti nella salita alla Rocchetta di Sorarù.
    Possiamo dire di aver trovato la via normale alla vetta. Poco sotto la cima, versante Sud-Est, con un tiro di 55 m con diff. III+/IV- (un cordone, un chiodo e due di sosta) e uno di una decina di metri diff. II consente di giungere sulla vetta, ed ammirare un panorama senza eguali.
    Discesa con 2 corde doppie sulla Spalla Est

    P.S.: Qualcosa sotto la cima (versante Est) quest' estate è successo, poiché ci sono massi staccati e fessure aperte (UN FULMINE??).

    Resta un itinerario molto interessante, oltre che per il panorama, soprattutto per la solitudine e per chi ha voglia di cercare ancora quel pizzico di avventura.

    Ciao
    Sebastiano Pallua

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Ho sentito Cesare e anche Gianpaolo Soratroi, che mi hanno promesso alcune foto, per un eventuale articolo.
      Io mi accontento di aver salito la R. di Prendera e 6-7 volte quella di Ciampolongo, bellissima anche per le croci del confine datate 1779.
      Ciao.
      Ernesto

      Elimina

Una cima dimenticata "alla fine del mondo", ma splendida!

Tita Valiér sull'Antelao con clienti,  anni '30 (raccolta E.M.)  Un giorno giunsi con un amico su una cima che giudicammo “all...