23 set 2015

Il Diedro Mazzorana, in un nebbioso sabato autunnale

È trascorso ben oltre un ottantennio dal 23 settembre 1931, giorno in cui Piero Mazzorana (un ragazzo di Longarone emigrato coi familiari in Auronzo, dove mise su casa, fu promosso guida alpina e poi condusse per 25 anni il grande rifugio sotto le Tre Cime), saliva da solo verso la parete est del Monte Popena (o Popena Basso), la cupola immersa nei mughi che domina in destra orografica il Lago di Misurina. 
Nelle sue scorribande Piero – già autore di qualche via nuova sui monti del Cadore - aveva intravisto una possibile linea sul Monte: un diedro fessurato che sale a sinistra degli strapiombi caratteristici della parte orientale della parete. 
Risalì di slancio il diedro superando difficoltà fino al quarto grado, forse senza neppure lasciare traccia del suo passaggio; ne uscì un breve itinerario, che negli anni successivi avrebbe guadagnato un meritato successo. 
La "via Mazzorana a sinistra degli strapiombi gialli”, presenta un interessante sviluppo di circa duecento metri, su una dolomia solida e articolata, e garantisce una salita di mezza giornata, piacevole e rilassante. 
Ernesto sulla prima cordata del Diedro Mazzorana
sul Monte Pooena, 3.9.84 (foto M.N. Petrucci)
Giusto mezzo secolo dopo Piero Mazzorana, che una volta in pensione era andato a vivere a Merano, dove morì all'improvviso nella primavera del 1980, in un nebbioso sabato d'ottobre Ernesto conobbe per la prima volta quel diedro del Monte Popena, con Federico, Andrea e Nadia.
La via lo divertì molto, anzitutto per il contesto ambientale nel quale si trova, poi per le difficoltà senz'altro alla sua portata, e infine per la caratteristica uscita su una vetta verde e silenziosa, dalla quale un tranquillo vagabondaggio fra abeti, larici e mughi riportò il quartetto a Misurina, per la sospirata birra finale. 
Da allora, Ernesto tornò sul diedro almeno per altre tre volte, avendo sempre negli occhi lo slancio del ventenne auronzano che, il primo giorno d'autunno del lontano 1931, aveva sfiorato da solo quegli appigli, scrivendo una nuova pagina di storia della falesia di Misurina, scoperta qualche anno prima da un altro ventenne, "matto per le crode": Severino Casara.

Nessun commento:

Posta un commento

Dove sarà la scala del Zorzi?

Gli antroponimi ampezzani, cioè i nomi di luogo legati o derivanti da persone, furono catalogati, esaminati e raccontati diffusamente da Lo...